educazione della voce

 

EDUCAZIONE DELLA VOCE E DIZIONE

Lezioni private su appuntamento.

 

IL SUONO-VOCE
La voce scaturisce dal frizionamento dell’aria, proveniente dai bronchi, attraverso le corde vocali. Per inviare il suono all’esterno di noi dobbiamo immaginare di indirizzare la colonna sonora più in alto della bocca, verso la maschera (zona compresa tra occhi e naso), in questo modo essa urterà il palato duro arricchendosi di nuove vibrazioni. Il suono verrà amplificato tramite la cavità orale e gli organi risuonatori e proseguirà il suo percorso nello spazio, articolandosi in parole grazie all’intervento di mandibola, della lingua e dei denti.

 

LA RESPIRAZIONE
Immaginate di riempire d’acqua una bottiglia, il liquido riempirà il recipiente dal fondo verso l’alto: lo stesso deve accadere con l’aria nei polmoni. I polmoni si riempiranno dal basso verso l’alto, espandendosi sui lati della cassa toracica (che si espanderà a sua volta). Quando i polmoni saranno riempiti, l’aria defluirà all’esterno, il tutto senza soluzione di continuità. Nessuna apnea dovrà interrompere il fluido e naturale processo della respirazione, o questo ostacolerà la corretta e naturale esposizione orale.

 

RAPPORTO CON IL PUBBLICO
Parlare di fronte a un uditorio può provocare ansia e perdita di controllo. Nelle situazioni di panico il corpo tende a trattenere l’aria nei polmoni, ingolfando il processo della respirazione; l’unico modo per ovviare a questa condizione di stress è di imparare a gestire la respirazione nei momenti di crisi, sperimentando questa circostanza tutte le volte che ci è possibile.

 

OBIETTIVI
Il nostro training non pretende di trasformare le persone, ma di offrire ai partecipanti un insieme di esercizi utili a lavorare su di sé in maniera autonoma (anche senza l’aiuto del docente). In questo modo i partecipanti potranno coltivare questa disciplina nel tempo, acquistando sempre maggiore sicurezza e padronanza dei propri mezzi espressivi.

 

IL WORKOUT
Per liberare il corpo da ogni possibile tensione – ostacolo a un buon funzionamento della respirazione e della voce – procederemo allo scioglimento delle articolazioni e all’allungamento dei muscoli, con particolare attenzione alle regioni del collo e del torace (le più interessate ai processi della respirazione e della fonazione). Dal potenziamento della capacità respiratoria, si passerà alla produzione di un suono basico e all’esplorazione degli organi risuonatori. Il suono basico verrà quindi aperto in uno vocalico e articolato in fonemi su varie altezze. Dall’intonazione al parlato, verrà affrontata l’esposizione di un testo (a scelta di ciascun partecipante) a partire dall’analisi logico-grammaticale sino ai problemi connessi al rapporto con l’uditorio.

 

Docente Paolo Orlandelli